Blog

La vita in coppia, in famiglia... e non solo!

ASPETTIAMO LA TUA SALVEZZA SIGNORE GESU’

Quanto vorremmo che il signore ci togliesse ogni problema, quanto vorremmo che ci sollevasse da ogni sofferenza. Pensiamo che la salvezza della vita nostra passi dalla risoluzione di ogni mancanza e dal cambiamento di ogni cosa spiacevole.

IL POTERE NELLA RELAZIONE DI COPPIA

Il Vangelo di questa domenica ci dona la figura di Cristo Re dell’Universo. Che cosa significa per noi essere sovrani delle nostre vite ad immagine e somiglianza di Cristo? E perché per l’uomo è vitale ispirarsi a questo tipo di regalità?

Non dovrebbe capire da solo?

Questo articolo è dedicato a noi donne più che agli uomini. Perché di tutte le storie che ho ascoltato e le amiche che si sono confidate, compresa me medesima quando mi metto nei panni di mio marito, siamo sempre noi donne a pretendere che il nostro compagno comprenda da solo e spontaneamente di cosa abbiamo bisogno.

FARE L’AMORE DA SPOSATI

Come si trasforma la vita intima e sessuale di una coppia da sposati. Forse fai parte di quelle coppie che da fidanzati hanno scelto di vivere l’esperienza della castità, regalo bellissimo che permette ai fidanzati di scoprire e coltivare la gratuità e il rispetto verso il partner, e cosa più importante non usare il sesso per allontanare i problemi o gli scontri.

LA FORZA NELLA DEBOLEZZA

“Oh ma che c’hai contro la sofferenza?!” “Io la sofferenza la schifo proprio. Nessuno è così idiota da voler provare dolore!! Io non voglio soffrire più!!”

I tempi del Signore non sono i nostri

“Dio non ha creato la morte e non gode per la rovina dei viventi. Ha creato le cose perché esistano”. Così dicono i versi della prima lettura di domenica scorsa. Dio ci ha creato perché voleva che vivessimo. Per Lui siamo i benvenuti alla vita e al mondo.

PERDONO E LIBERTà

Il perdono è sicuramente uno dei gesti più difficili e più complicati, ma che più profondamente rimandano a Cristo.

Il mistero Pasquale Morte-amore-vita nella vita di coppia

Come legare la Pasqua alla realtà della vita di coppia. C’è un regalo speciale da scartare in questo mistero Pasquale per te. Il Mistero Pasquale è la base del Mistero Nuziale. Non è teologia astratta imprigionata in libri incomprensibili, ma carne e sangue di un Amore profondo e senza fine che è per noi. E’ donato per te oggi.

IL MATRIMONIO HA LA FORMA DELLA RESURREZIONE

Il matrimonio ha la forma della resurrezione!La croce e il dolore sono solo un momento di passaggio che serve a farci diventare veri uomini e vere donne. La forma della resurrezione non vuol dire che i problemi si risolvono come vogliamo noi, e nei tempi da noi stabiliti.

Aspettiamo il natale

Quando ero piccola la mia festa preferita era il natale. Adoravo il calore e il senso di famiglia che si respirava nell’aria. La preparazione dell’albero tutti insieme, la letterina a babbo natale per esprimere i nostri desideri, le cene e i pranzi di famiglia tutti insieme, nonostante la fatica delle relazioni. Il freddo fuori e il caldo dentro.

QUANDO LA TUA VITA PORTA FRUTTO

La vita è un dono di Dio prezioso. E come dono Suo, è da Lui che possiamo imparare le “istruzioni per l’uso” per viverla davvero e sentirci pieni, completi, soddisfatti e appagati. Le Sue “istruzioni per l’uso” non sono comandi, doveri, moralismi sterili, ma sono le parole che un Padre dona ad un figlio perché egli possa portare frutto e questo frutto possa rimanere.

CHIARA CORBELLA SEI TU

Quest’anno finalmente mi sono sentita pronta a leggere il libro su Chiara Corbella “Siamo nati e non moriremo mai più”. Non è che abbia deciso io. Un mio carissimo amico è morto e io non lo accetto. Non accetto come è morto. Non accetto il momento e mi chiedo Dio qui dove sta

Un amicizia speciale...

Amore ti devo parlare mi serve un ora del tuo tempo. C’è qualcosa che mi tormenta e ho bisogno di parlartene. Però mi serve tempo. In un caldissimo pomeriggio d’estate mio marito mi dice così. Raramente mi ha fatto una richiesta del genere. I maschi di solito non vogliono un ora di tempo per parlare. Poi soprattutto lui non è il tipo da mostrare il suo dolore. Piuttosto la rabbia. Su quella è specializzato.

SIAMO FATTI PER IL PARADISO

Amico mio forse non è passato neanche un mese da quando non ci sei più. La tua morte ha creato in me uno spazio per riflettere sul valore prezioso della sofferenza e sul senso della prova nella vita.

Se mi sposo in Chiesa che mai potrà succedermi?!

E’ deciso ci sposiamo l’8 dicembre del 2005, ad Assisi dopo 2 anni di fidanzamento casto. Ci sposiamo in Chiesa e celebrano tre frati. La Chiesa è il nostro porto sicuro. Apposta ci sposiamo in Chiesa, per avere certezze e le benedizioni giuste! Del resto siamo cristiani, abbiamo fatto un lungo cammino, corso per fidanzati, corso prematrimoniale, ritiri vari, padri spirituali, che mai ci potrà succedere?! Non avevamo capito assolutamente niente del passo che stavamo facendo e della consacrazione che stavamo abbracciando.

Amati

Questa lettera la scrivo a te.

La santità nel matrimonio

La Santità non è un titolo onorifico. La santità non è qualcosa che ti procuri con le tue capacità o qualità. La Santità non dipende da quanto sei bravo ed efficiente, ne ha a che fare con l’essere una persona eccezionale senza difetti. La Santità non ha nulla a che vedere col dovere e la costrizione.

Piccoli passi per uscire dallo stato di single

A volte ti fa paura l’idea di restare single. Di non trovare la persona giusta con cui stare bene e costruire un progetto di vita comune. Forse hai avuto diverse storie più o meno serie, più o meno stabili, magari ti sembra che tutte queste esperienze più che nutrire ti hanno inaridito il cuore o non ti hanno dato nulla di costruttivo. All’inizio ti divertivi ma ora sei stufo/a. A 30 anni ti rendi conto che il tempo sta passando e le modalità messe in campo fino a questo momento non funzionano più per costruire qualcosa di duraturo e intimo.

La preghiera nella coppia

Il vangelo di oggi parla del valore della preghiera nella nostra vita cristiana. La preghiera è lo spazio e il tempo della nostra relazione intima con Dio. La preghiera verso Dio è come il pianto di un neonato di notte che dipende dalla sua mamma per mangiare e bere. La preghiera ci ricorda chi siamo noi e Chi è Dio per noi.

Cerco Te

Unità di misura del suo amore. Criterio preferenziale di relazione. Inizio e fine della nostra salvezza. Porta di ingresso privilegiata dell’incontro con LUI. Esperienza di amore infinito che ci apre alla vita. La liturgia di questa domenica ci annuncia la MISERICORDIA di Dio!

Un posto speciale

Il vangelo di questa domenica parla del POSTO. Primi posti. Ultimi posti. Ma posti dati da chi? E rispetto a che cosa. Viviamo tutta la vita nell’unico desiderio di essere amati, visti, apprezzati, considerati. Da piccoli non chiediamo altro. Vedo i miei figli che mi chiedono continuamente “mamma guardami!”; “mamma mi stai guardando? Mi devi guardare! Mamma guarda come sono bravo”.

La salvezza di Dio passa per l'Amore

Nel vangelo della domenica Gesù parla della salvezza di Dio. La salvezza per l’uomo non viene dai suoi meriti, dai suoi sforzi, dal fare le cose bene, dal seguire tutte le regole, dall’essere precisi, dai sacrifici.

La ricchezza: doni da condividere

Il Vangelo di oggi è molto eloquente! Ci invita ad usare BENE le nostre ricchezze e ciò che possediamo perché quando la nostra vita sarà al termine cosa rimarrà di noi? Quando “sorella morte” busserà alla nostra porta, noi cosa possederemo per risponderle in pace?

Ho un proiettore nell'ombelico

LUI: “Arrivo a casa dopo il lavoro e trovo tutto in disordine, calzini e abiti in giro, borse dei ragazzi qua e la, il letto a soqquadro, la cucina piena di piatti sporchi. E’ un caos totale. Mi sento furioso! Vorrei trovare ogni cosa al suo posto e invece lei lascia tutto in giro. Sono talmente arrabbiato che comincio a lanciare le cose che trovo in giro e mia moglie resta sbigottita. Spesso finiamo a litigare violentemente”.

LA TENEREZZA E' PIU' DI UN GESTO

La tenerezza è molto più di un gesto. E’ l’atteggiamento dell’animo di un uomo e di una donna che sanno amare e si sentono amati. La tenerezza si esprime con gesti di dolcezza verbali e non verbali, azioni affettuose che esprimono sentimenti profondi. Oggi ci troviamo in un momento storico in cui la tenerezza è vista come un’espressione mielosa, sdolcinata indice di debolezza per gli uomini e pretesa romantica delle donne. La tenerezza vissuta in modo superficiale non permette di esprimere all’altro la sua unicità, ma è solo uno scimmiottamento dell’amore.

La parte migliore: la relazione intima con Dio

Il Vangelo di questa domenica presenta due persone, Marta e Maria. L’azione la contemplazione a confronto, per spiegare qual’è la parte migliore che ci si può prendere nella relazione con Dio. Marta si occupa del servizio, di fare le cose e farle bene, vuole servire al meglio Gesù che le fa visita e si spende perché tutto sia al top. Fin qui non fa una piega! Non si può vivere una vita cristiana senza opere, senza il servizio, senza il fare.